CUB TRASPORTI: FALLIMENTO ATA - INCONTRO CON LA SOCIETA’ INCEPTUS

Giovedì 20 aprile a Roma ha avuto luogo l'incontro con la Società Process Control, aggiudicataria della gara sul fallimento ATA.

All'incontro erano presenti il Curatore Fallimentare, e i legali della Società WFS Ground Italy, attuale affittuaria di ATA. Era inoltre presente, in rappresentanza dell’azienda cessionaria, l’avv. Del Re. legale della Process Control che ha aperto la riunione relazionando sull'attuale stato amministrativo e giuridico della società Process Control precisando e comunicando che lo stato dell'azienda è diverso da quello che emerge, dalle volture camerali.

Leggi tutto...

 

REFERENDUM ALITALIA - FESTA DELLA LIBERAZIONE DEI LAVORATORI ALITALIA

Il 67% dei lavoratori non cedono al ricatto e dicono NO!

I No sono stati 6816 (il 66,93%). A Linate dicono no l’81,35% e a Malpensa l’86,60.

Leggi tutto...

 

COMUNICATO PER GLI ISCRITTI CUB VARESE

COMUNICATO CUB VARESE

Leggi tutto...

 

CAMPAGNA FISCALE 2017 CUB VARESE

CAF

Comunicato CAMPAGNA FISCALE CAF 2017 VARESE

Leggi tutto...

 

Cargo Malpensa:

140 lavoratori chiedono a Enac

di verificare

la regolarità del subappalto

Questa mattina è stata inoltrata ad Enac di Malpensa, la richiesta formale di intervento ispettivo, sul subappalto alle cooperative, delle attività relative al trasporto merci del cargo. La richiesta è stata inoltrata con la sottoscrizione di 140 lavoratori delle coop.

Attendiamo ora che Enac finalmente si appresti a verificare la regolarità degli appalti che le società del Cargo (Alha, Mle e Beta Trans) fanno ai consorzi e alle cooperative (Logico, Logitec, Ncl, Coros, Work Time).

Leggi tutto...

 

CARGO MALPENSA:

UN’ALHA IN PIU’ PER MALPENSA

All’incontro in Enac del 15 marzo, per discutere a seguito del grave incidente avvenuto al Cargo, della situazione relativa alla sicurezza lavorativa, il responsabile di Alha oltre a dichiarare che le norme di sicurezza erano rigorosamente rispettate, ebbe a sintetizzare sull’infortunio ad un camionista, come un fatto normale che può succedere.

Peccato però che lo stesso responsabile di Alha, si è dimenticato di dire che solo due giorni dopo l’incidente del 25 febbraio, la società con un comunicato aveva finalmente predisposto precise disposizioni a tutti gli esterni operanti presso le ribalte di Alha. Tutto ciò a dimostrazione della trascuratezza sulle norme antinfortunistiche esistenti nel cantiere.

Leggi tutto...

 
Chi è online
 62 visitatori online