Mobilità, Aspi, Naspi, Asdi, Dis-Coll

dal  2015  al  2017

Il decreto del Job-Act, a partire del 1 maggio 2015 introduce la Naspi che va a sostituire l’Aspi e la Mini Aspi introdotte con la legge Fornero. La mobilità rimane ma per effetto della legge Fornero    va decrescendo fino a scomparire nel 2016.

Nel 2017 la mobilità non ci sarà più e ci sarà solo la Naspi che avrà una durata massima di 18 mesi (78 settimane) così come era previsto per l’Aspi.

Mobilità: durata

2015

2016

2017

Fino a 39 anni

12

12

18 naspi

Da 39 a 49 anni

18

12

18 naspi

oltre 50 anni

24

18

18 naspi

L’indennità di mobilità è la stessa  della Cig per il primo anno: Dal secondo anno in poi è pari all’80%  ma non c’è più la contribuzione previdenziale del 5,84% .

Aspi (disoccupazione) e Naspi : durata

Aspi/naspi

Aspi 2015

Naspi dal 1-5-2015

Naspi 2017

Fino a 50 anni

10

Max  24

Max  18

Da 50 a 54 anni

12

Max  24

Max  18

oltre 55 anni

16

Max  24

Max  18

La Naspi è corrisposta mensilmente, per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni ( max 24 mesi).  Dal 1 gennaio 2017 la durata  diminuisce a un massimo di 78 settimane ( 18 mesi)

L’indennità Naspi è rapportata alla retribuzione media mensile degli ultimi 4 anni ed è pari al 75% per retribuzioni fino a 1.195,00 € mensili, incrementata del 25% degli importi eccedenti.

In ogni caso l’Aspi non potrà superare 1.300 € mensili lordi .

L’indennità diminuirà del 3% al mese a partire dal quinto mese. Dal 2016 a partire dal quarto mese

Asdi: assegno di disoccupazione

Decorre dal 1 maggio 2015 in via sperimentale per l’anno 2015, per i lavoratori  che abbiano fruito della Naspi per l’intera sua durata senza trovare occupazione . Nel primo anno di applicazione  sarà prioritariamente riservati ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari con minorenni e quindi ai lavoratori in età vicina al pensionamento, ma che non abbiano maturato i requisiti per i trattamenti di quiescenza. La durata è di 6 mesi.

Dis-coll Indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto

La DIS-COLL è corrisposta mensilmente per un numero di mesi pari alla metà dei mesi di contribuzione presenti nel periodo che va dal primo gennaio dell’anno solare precedente la cessazione del lavoro. La durata massima è di sei mesi.

I nuovi limiti per la pensione dal 2015

Con la riforma delle pensioni i lavoratori vedono allontanarsi sempre di più la data del loro pensionamento per effetto dell’aumento dell’età e dall’aggancio alla speranza di vita.

Nelle tabelle sotto sintetizziamo la scaletta dell’aumento dell’età pensionabile fino al 2030.

Pensione di vecchiaia donne settore privato ( dal 2020 come uomini, vedi sotto)

Dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

63 anni e 9 mesi

Dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2017

65 anni e 7 mesi      *

Dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2020

66 anni e 11 mesi     *

NB Per i lavoratori autonomi occorre aggiungere 6 mesi in più

Pensione vecchiaia uomini pubblico e privato e donne settore pubblico

Dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2015

66 anni e 3 mesi

Dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018

66 anni e 7 mesi      *

Dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020

66 anni e 11 mesi    *

Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022

67 anni  e 2 mesi    *

Dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2024

67 anni e 5 mesi    *

Dal 1° gennaio 2025 al 31 dicembre 2026

67 anni e 8 mesi    *

Dal 1° gennaio 2027 al 31 dicembre 2028

67 anni e 11 mesi    *

Dal 1° gennaio 2029 al 31 dicembre 2030

68 anni e 1 mese    *

NB Per i lavoratori autonomi occorre aggiungere 6 mesi in più

Pensione di anzianità

decorrenza

uomini

donne

Dal  1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

42 anni e 6 mesi

41 anni e 6 mesi

Dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018

42 anni e 10 mesi*

41 anni e 10 mesi *

Dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2020

43 anni e 2 mesi  *

42 anni e 2 mesi *

Dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022

43 anni e 5 mesi *

42 anni e 5 mesi *

Dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2024

43 anni e 8 mesi *

42 anni e 8 mesi *

Dal 1° gennaio 2025 al 31 dicembre 2026

43 anni e 11 mesi *

42 anni e 11 mesi*

Dal 1° gennaio 2027 al 31 dicembre 2028

44 anni e 2 mesi    *

43 anni e 2 mesi *

Dal 1° gennaio 2029 al 31 dicembre 2030

44 anni e 4 mesi    *

43 anni e 4 mesi *

*adeguamento alla speranza di vita presunto

NB Per i lavoratori autonomi occorre aggiungere 6 mesi in più

Donne in regime sperimentale

Fino al 31 dicembre 2015 le donne possono andare in pensione con  57 anni di età più la finestra di uscita. In questo caso la pensione viene calcolata interamente con il sistema contributivo con una perdita di circa il 30 %.

Gennaio 2015