HUPAC-VERTENZE

HUPAC:

HANNO PAURA DEL CONFRONTO?!

Il 3 febbraio, Hupac, le rsu e Cgil-Cisl hanno predisposto un verbale di accordo che sarebbe stato presentato ai lavoratori nelle assemblee di lunedì 9 febbraio.

Invece il 4 febbraio una parte delle rsu ha già sottoscritto l’accordo e all’assemblea di lunedì 9 ai rappresentati della cub trasporti è stata vietata la presenza.

Di conseguenza, come rsu e come Cub Trasporti abbiamo dovuto indire le assemblee per il giorno dopo, martedì 10 febbraio, per poter spiegare a tutti le nostre posizioni.

UN PESANTE TAGLIO AI SALARI

Tutti gli accordi aziendali vengono annullati e sostituzione dal verbale 3/2/2015, con una drastica riduzione economica per tutti, e si avrà:

  • La riduzione di tutte le maggiorazioni, di sabato, di domenica, della notte a partire dal 1 febbraio 2015.

  • L’indennità turno e l’assegno professionale viene trasformato in un superminimo individuale non assorbibile.

  • Verrà abolita l’indennità piazzale.

  • Verrà introdotto il tikets di 5.20 euro al giorno.

    TUTTE LE MAGGIORAZIONI EXTRA CONTRATTO, ED ANCHE IL TICKET, DAL 1 GENNAIO 2016, VERRANNO ABOLITE E EQUIPARATE AL CONTRATTO NAZIONALE.

    Alcune considerazioni:

    Le motivazioni. Come al solito i firmatari degli accordi e così anche Hupac, accampano situazioni di crisi aziendali, regolarmente non confermate dai bilanci. Ma anche se fosse, basterebbe concordare che in caso di utili, tutte le maggiorazioni andrebbero pagate ai lavoratori.

    Chi decide la validità degli accordi. Anche qui, visto la decisione di fare assemblee senza il contraddittorio, i firmatari dell’accordo, si preparano a dichiararlo valido, senza una seria consultazione dei lavoratori.

    La Cub Trasporti, invita tutti i lavoratori a non farsi intimorire con il solito discorso, che altrimenti l’azienda fa quello che vuole. NON E’ VERO!

    Chi pensa di ridurre il salario dei lavoratori, contro il loro parere, sa che non lo può fare ed per questo che cerca in tutti i modi di intimidire con pressioni i lavoratori.

    6/2/2015

    CUB TRASPORTI

HANNO PAURA DEL CONFRONTO?!

Il 3 febbraio, Hupac, le rsu e Cgil-Cisl hanno predisposto un verbale di accordo che sarebbe stato presentato ai lavoratori nelle assemblee di lunedì 9 febbraio.
Invece il 4 febbraio una parte delle rsu ha già sottoscritto l’accordo e all’assemblea di lunedì 9 ai rappresentati della cub trasporti è stata vietata la presenza.
Di conseguenza, come rsu e come Cub Trasporti abbiamo dovuto indire le assemblee per il giorno dopo, martedì 10 febbraio, per poter spiegare a tutti le nostre posizioni.

UN PESANTE TAGLIO AI SALARI

 

Tutti gli accordi aziendali vengono annullati e sostituzione dal verbale 3/2/2015, con una drastica riduzione economica per tutti, e si avrà:
• La riduzione di tutte le maggiorazioni, di sabato, di domenica, della notte a partire dal 1 febbraio 2015.
• L’indennità turno e l’assegno professionale viene trasformato in un superminimo individuale non assorbibile.
• Verrà abolita l’indennità piazzale.
• Verrà introdotto il tikets di 5.20 euro al giorno.

TUTTE LE MAGGIORAZIONI EXTRA CONTRATTO, ED ANCHE IL TICKET, DAL 1 GENNAIO 2016, VERRANNO ABOLITE E EQUIPARATE AL CONTRATTO NAZIONALE.

Alcune considerazioni:
Le motivazioni. Come al solito i firmatari degli accordi e così anche Hupac, accampano situazioni di crisi aziendali, regolarmente non confermate dai bilanci. Ma anche se fosse, basterebbe concordare che in caso di utili, tutte le maggiorazioni andrebbero pagate ai lavoratori.

Chi decide la validità degli accordi. Anche qui, visto la decisione di fare assemblee senza il contraddittorio, i firmatari dell’accordo, si preparano a dichiararlo valido, senza una seria consultazione dei lavoratori.

La Cub Trasporti, invita tutti i lavoratori a non farsi intimorire con il solito discorso, che altrimenti l’azienda fa quello che vuole. NON E’ VERO!
Chi pensa di ridurre il salario dei lavoratori, contro il loro parere, sa che non lo può fare ed  per questo che cerca in tutti i modi di intimidire con pressioni i lavoratori.
6/2/2015

 

 

ELEZIONI RSU-RLS HUPAC BUSTO ARSIZIO (VA)

LA CUB TRASPORTI SI CONFERMA PRIMO SINDACATO

Con il 48% dei voti, due eletti su quattro nelle RSU e l’unico eletto nelle RLS, la cub trasporti si conferma, dopo tre anni come primo sindacato all’Hupac di Busto Arsizio.

28/2/2011

Cub trasporti

 

 

     Delegato Cub Trasporti reintegrato nel suo posto di lavoro

Leggi tutto...

 

 

LETT.PER GUARDIE ILLEGALI

Leggi tutto...

 

 

L’Hupac di Busto Arsizio licenzia

Leggi tutto...

 
Altri articoli...