CORSICARIZSERVICE: accordi, vertenze e volantini

MALPENSA E LINATE:

cgil-cisl-uil, PARLANO TANTO DI LOTTA ALLE COOPerative,

MA POI FAVORISCONO I LORO PIANI!

È di questi giorni la polemica sull’utilizzo di cooperative che Ryanair vuole fare a Malpensa, con le sigle sindacali confederali che sono insorte contro questa decisione.

Questa polemica sulle cooperative, da parte di alcuni sindacati anziché portare ad un cambiamento di politica sindacale su tutto il territorio, pare purtroppo avere il solo fine di evitare l’emorragia di consensi che questi sindacati stanno avendo.

Infatti mentre gridano allo scandalo per le coop con Ryanair, cgil-cisl-uil, continuano invece ( per inegenuità o per farsi belli nei confronti delle committenti?) a favorire le discriminazione che fanno le cooperative nei confronti dei loro soci.

Martedì scorso, cgil-cisl-uil hanno siglato l’ennesimo accordo che, nelle intenzioni della cooperativa di turno,  mira a ridurre i diritti dei lavoratori della coop Sltm che opera al cargo di Malpensa per Alha.

Presso questa cooperativa, da mesi, è in corso una manovra per eliminare i lavoratori scomodi ed associati alla cub (90 iscritti su 230 soci. Senza aprire nessuna procedura, come invece prevedono leggi e contratti, il consorzio LogiCo, che gestisce in subappalto la movimentazione merci per Alha, ha favorito la creazione di una nuova cooperativa, la NCL, che, in palese concorrenza con SLTM, ha cooptato una parte dei soci di quest’ultima lasciandole quelli “indesiderati”; questi, poco per volta, si sono visti ridurre il lavoro nel frattempo passato, su disposizione del consorzio ed avvallo della committente Alha, alla nuova cooperativa.

Non contenti di tutto ciò, i responsabili aziendali, per ben due volte hanno cercato di liberarsi dei lavoratori di Sltm, evitando di richiedere ad Enac il rinnovo dei tesserini di accesso a Malpensa, che di conseguenza avrebbe significato la non possibilità di lavorare per tutti i soci SLTM.

Contro questa situazione, l’unica organizzazione che si è mossa è stata la cub, con la totale indifferenza di tutti, e con cisl e uil che convocati alla Dpl di Varese, per discutere di questa situazione, si sono rifiutati di partecipare.

La nostra organizzazione, non solo ha già assistito i lavoratori esclusi dal passaggio a NCL nella presentazione di un ricorso al Tribunale di Busto, ma ha anche richiesto l’intervento degli Ispettori del lavoro, che già parecchie volte sono intervenuti a Malpensa con Carabinieri e GdiF.

Costretti dalla lotta dei lavoratori, e per paura delle conseguenze che possono arrivare dalle inchieste di Ispettori e Giudici, i responsabili del consorzio LogiCo, hanno chiamando in loro aiuto cgil-cisl-uil, aprendo la procedura prevista dal contratto che loro stessi per ben due volte avevano negato alla Cub Trasporti.

All’incontro, cgil-cisl-uil, prima arrogantemente hanno rifiutato una trattativa unica con tutti i gli altri sindacati (Cub e Flai), e poi hanno siglato un accordo che nascondeva la reale intenzione della cooperativa di prevedere per 33 lavoratori il passaggio dalla coop SLTM alla coop NCL soltanto con contatto  part-time (18,24,32 ore).

Si sono accorti CGIL CISL e UIL della fregatura?

O hanno coscientemente avvallato la discriminazione che NCL continua ad operare  in danno  dei lavoratori più sindacalizzati? Non c’è alternativa: o ingenui o complici!!!

Ricordiamo:

  • in queste settimane la coop NCL, preparandosi a sostituire i lavoratori SLTM, ha assunto altri 32 soci lavoratori;
  • che tutti gli altri 174 soci lavoratori della NCL sono ad orario pieno;
  • che cgil-cisl-uil, in questi mesi, non hanno mosso un dito per questi lavoratori, lasciando fare ad Alha e coop tutto quello che hanno voluto;
  • che i confederali hanno preteso di trattare da soli la sorte dei lavoratori sltm senza che nessuno di essi fosse loro iscritto, e di siglare un accordo senza Cub Trasporti che li rappresenta quasi tutti!

INVITIAMO CGIL-CISL-UIL AL RITIRO DELL’ACCORDO, PERCHE’ SERVE SOLO AD ALHA Consorzio e NCL  PER CERCARE DI CONVINCERE GIUDICi ed ISPETTORI DEL LAVORO, CHE IL PROBLEMA E’ RISOLTO.

17/9/2015                                                    CUB TRASPORTI

 

 

 

CARGO MALPESA ALHA-SLTM:

 

 

 

FANNO I FURBI PER FREGARE I LAVORATORI

Leggi tutto...

 

CARGO MALPENSA ALHA:

IL TRIBUNALE DI BUSTO REINTEGRA

DELEGATO DELLA CUB!

Con una sentenza per attività antisindacale da parte della coop SLTM operante presso Alha al cargo di Malpensa, il Giudice del Lavoro di Busto Arsizio ha reintegrato, il delegato sindacale della Cub, Mauro Gaspare.

Il lavoratore era stato, da prima escluso da socio e poi licenziato, perché a detta della cooperativa aveva criticato in pubblico l’operato dei responsabili aziendali.

Ricordiamo che per ben due volte i soci lavoratori, in assemblea avevano bocciato il bilancio 2013 della coop, ed è per questo che il delegato è stato licenziato.

Con questa sentenza, si fa finalmente giustizia contro una direzione che con la pratica delle intimidazioni e delle discriminazioni ha cercato di estromettere la nostra organizzazione e tutti i lavoratori scomodi.

Questo reintegro in azienda avviene anche in un momento importante. Infatti:

  • Da alcuni giorni, i soci lavoratori vengono chiamati dai responsabili aziendali con la proposta-intimidazione perché si dimettano in attesa del cambio di appalto.
  • Da settimane, mentre i soci lavoratori della coop SLTM sono sospesi dal lavoro senza il sussidio, vengono sostituiti con personale di un’altra coop sempre del Consorzio Logica.
  • Numerosi soci lavoratori, con la scusa di non aver superato il corso per materiale pericoloso, vengono allontanati dal lavoro.
  • Ancor oggi, parecchi soci non sono inquadrati nel giusto livello contrattuale o sono sospesi dal lavoro senza neppure l’intervento della cigs con pesanti perdite salariali.

Tutto questo deve finire.

Anche i lavoratori di SLTM presso ALHA, debbono avere i diritti di tutti i lavoratori.

La Cub Trasporti ha già attivato, come prevede il ccnl, la richiesta di incontro per il cambio di appalto, che deve essere discusso con i SINDACATI 15 giorni prima.

O tutti i soci lavoratori continueranno a lavorare nella nuova cooperativa o dovremo procedere con tutte le iniziative del caso.

14/4/2015

 

CARGO MALPENSA ALHA:

Vogliono fare un cambio di appalto

senza CONSULTARE i sindacati!

In queste ore, i funzionari del Consorzio Logico, stanno chiamando i soci lavoratori di Sltm per proporre loro le dimissioni dalla cooperativa e l’assunzione in una nuova coop.

TUTTO QUESTO è ILLEGITTIMO!

Il contratto nazionale dice espressamente che 15 giorni prima le cooperative debbono chiamare i sindacati e discutere le condizioni del passaggio di appalto.

INVITIAMO PERTANTO TUTTI I LAVORATORI A NON FIRMARE DIMISSIONI E A CHIEDERE LA PRESENZA DEL SINDACATO!

BASTA CON QUESTE FALSE COOPERATIVE!

Da anni, al Cargo di Malpensa, si susseguono illegalità nei confronti dei lavoratori.

Le committenti, quasi facendo apparire che non centrano nulla, continuano nella loro opera di concedere appalti a cooperative che aggirano le norme a discapito dei lavoratori.

La Cub ha già formalizzato alle autorità competenti, le illegalità operate sia dal Consorzio Logico che dalle cooperative, e se la situazione non verrà regolarizzata o se non tutti i lavoratori saranno chiamati al lavoro, procederà con tutte le iniziative del caso.

 

CARGO MALPENSA ALHA-SLTM:


NON E’ GIUSTO!

Da alcune settimane, i responsabili della coop SLTM, hanno sospeso dal servizio, e quindi anche dalla retribuzione, 5 soci lavoratori di Malpensa. Come scusa per questa estromissione dal lavoro, la coop SLTM, ha comunicato ai lavoratori che non avrebbero superato l’esame dei corsi DGR (materiale pericoloso).

I responsabili della coop, si sono anche rifiutati di discutere con il sindacato, per trovare una soluzione che consenta ai 5 lavoratori di continuare a lavorare, dimostrando così, che il non superamento dei corsi DGR, è solo un pretesto per allontanare dei soci e per continuare nell’opera intimidatoria contro tutti gli altri.

NON E’ GIUSTO!

Da mesi, i responsabili della coop, continuano nell’opera discriminatoria nei confronti di alcuni soci. Avviene infatti che alcuni lavoratori, non vengono chiamati al lavoro per intere settimane, senza ricevere nessun salario. Con questo meccanismo discriminatorio alcuni soci lavoratori, hanno una pesante decurtazione salariale.

Ci sono soci lavoratori a cui non vengono esposte le settimane lavorative ma debbono aspettare giorno per giorno la telefonata del referente per andare al lavoro.

NON E’ GIUSTO!

Da quando, per la seconda volta i soci lavoratori non hanno approvato il bilancio, i responsabili della coop SLTM, solamente per ripicca e con spirito di rivalsa, stanno mettendo in atto azioni ritorsive e discriminatorie contro i soci lavoratori.

Nonostante che come CUB trasporti, all’incontro in Prefettura di Varese, alla presenza dei responsabili della coop, abbiamo garantito la nostra disponibilità alla discussione su tutti i problemi presenti al cargo di Alha, per ricercare una soluzione, la risposta sia di SLTM che del consorzio Logico è stata di totale chiusura.

SI STANNO PREPARANDO AL CAMBIO DI APPALTO?

Anziché discutere e trovare una soluzione in accordo con i soci lavoratori e con i sindacati, la coop SLTM si sta preparando ad abbandonare l’appalto. Si stanno anche muovendo con l’intento di fare in modo che chi subentrerà avrà la possibilità di non assumere tutti i soci.

I soci lavoratori, bocciando per ben due volte il bilancio e prima ancora scioperando per ottenere l’intero pagamento della malattia, hanno chiesto ai responsabili della coop e direttamente anche a Alha, che vengano affrontati i loro problemi.

Evidentemente però, Alha, SLTM ed il consorzio Logico, in una situazione di continuo aumento dei volumi al Cargo di Malpensa, che ad ogni mese fa registrare consistenti aumenti, con il conseguente aumento dei profitti, pensano che i problemi posti dai lavoratori non vadano affrontati.

La cub trasporti, mentre si rende disponibile al confronto, perché tutti i lavoratori vengano riammessi al loro posto, a partire dal nostro delegato che il 29 gennaio avrà la causa presso il Tribunale di Milano, non è disponibile ad accettare che i soci lavoratori subiscano l’ennesima beffa del cambio d’appalto, magari con una coop dello stesso consorzio.

I problemi dei lavoratori vanno risolti!

20/1/2015

CUB TRASPORTI

 
Altri articoli...