CABINA DI REGIA MALPENSA

CON I RICATTI

STANNO STRANGOLANDO I LAVORATORI!

Il mercato del trasporto aereo italiano è ricchissimo e sui lavoratori non possono ricadere gli effetti delle speculazioni in atto. In Alitalia, in GroundCare, in Sea ed in Sea H., al Cargo, in numerose società di handling e di gestione aeroportuale, nell’indotto dell’intero comparto (pulizie, appalti, esercizi commerciali, sorveglianza, ecc.) ed in tutto il settore, con la scusa della crisi, padroni e governi falcidiano l’occupazione e aumentano lo sfruttamento.

MENTRE IN ITALIA DAL 2009 AL 2013, NONOSTANTE LA CRISI,

  • Il traffico passeggeri è cresciuto del 10,3%
  • Il traffico merci è cresciuto del 16,6%

Ed anche i primi mesi del 2014 (Gennaio-Marzo) segnano, rispetto al 2013, un aumento +2,5% di traffico passeggeri e + 4,6% di traffico merci.

INTANTO, PERÒ, IN ITALIA, MENTRE CRESCE IL TRAFFICO, OLTRE 15.000 LAVORATORI SU 65.000, CIOÈ OLTRE IL 23% DELLA FORZA LAVORO PRESENTE NEI VETTORI E NELLE SOCIETÀ AEROPORTUALI ( escludendo l’indotto!), SONO INTERESSATI, DALLA CIGS, DALLA MOBILITÀ E DAI CONTRATTI DI SOLIDARIETA’.

Dunque la crisi non esiste ma si continua a scaricare sui lavoratori

Solo le mobilitazioni potranno rimettere in discussione gli attacchi che in ogni azienda i lavoratori stanno subendo.

OGNI LAVORATORE SI DEVE PRENDERE LE PROPRIE RESPONSABILITA’.

E’ giunto il momento che i lavoratori facciano sapere che non sono più disponibili a subire passivamente.

VENERDì 16 MAGGIO 2014

SCIOPERO PER L’INTERA GIORNATA

DI TUTTI I LAVORATORI DI MALPENSA E LINATE

SEA, AVIAPARTNER, ATA, COOP SLTM DEL CARGO.

ORE 10.30 MANIFESTAZIONI A MALPENSA T1 PARCHEGGIO DIPENDENTI E A LINATE AL VARCO 1

 

21 FEBBRAIO 2014
DALLE ORE 13,00 ALLE ORE 17,00 (SETTORI OPERATIVI)
4 ORE A FINE TURNO (SETTORI NON OPERATIVI)
SCIOPERO
DEL COMPARTO AEREO/AEROPORTUALE/INDOTTO

• CONTRO L’AGGRESSIONE ALLA CATEGORIA CHE NON SI FERMA E COLPISCE I LAVORATORI DI GROUNDCARE, DELL’HANDLING, DI AVIAPARTNER, DI SEA E SEA HANDLING, DI ALITALIA, DELLE PULIZIE, DELLE MENSE DEI SERVIZI COMMERCIALI, DEI CATERING, ECC.

• CONTRO IL SILENZIO E L’IMMOBILISMO GENERALE SUL RINNOVO DEL CCNL SCADUTO DA QUASI 26 MESI.

pretendiamo il pagamento della “indennità di vacanza contrattuale”

L’accordo intercategoriale 31/7/1992 tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri G.Amato, tutte le associazioni padronali (Confindustria-Confcommercio-Intersind ecc) e Cgil-Cisl-Uil, prevede:
Indennità di vacanza contrattuale
Dopo un periodo di vacanza contrattuale pari a 3 mesi dalla data di scadenza del CCNL, ai
lavoratori dipendenti ai quali si applica il contratto medesimo non ancora rinnovato sarà corrisposto,
a partire dal mese successivo ovvero dalla data di presentazione delle piattaforme ove successiva,
un elemento provvisorio della retribuzione.
L'importo di tale elemento sarà pari al 30% del tasso di inflazione programmato, applicato ai
minimi retributivi contrattuali vigenti, inclusa la ex indennità di contingenza.
Dopo 6 mesi di vacanza contrattuale, detto importo sarà pari al 50% dell'inflazione programmata.
Dalla decorrenza dell'accordo di rinnovo del contratto l'indennità di vacanza contrattuale cessa di
essere erogata. Tale meccanismo sarà unico per tutti i lavoratori.

voli da garantire 21-2-2014.pdf     

 

RESOCONTO INCONTRO 11-2-2014 CON SEA PER LA CHIUSURA
TEMPORANEA ORIO AL SERIO

SEA ha presentato la chiusura di Orio al Serio come una grande opportunità per l’aeroporto di Malpensa nel periodo che andrà dal 12 maggio al 2 giugno.
Come spiegato da Belloni (direttore Operazioni), l’operatività di Orio al Serio subirà dal 09 marzo un iniziale ridimensionamento con il taglio della lunghezza della pista che obbligherà i voli cargo DHL, operati con aeromobile B777F destinazione Hong Kong, ad utilizzare le piste di Malpensa. Si tratta di 2 voli settimanali con frequenza al giovedì e alla domenica, in arrivo da Lipsia e che caricano merci italiane dirette in Estremo Oriente.
Dal 12 maggio l’operatività di Bergamo Orio al Serio si azzererà e, conclusi gli ultimi arrivi nella sera dell’11maggio, gli aeromobili si sposteranno immediatamente su Malpensa per essere pronti qualche ora dopo per i primissimi voli del mattino.
Ryanair (FR) avrà a disposizione 15 aeromobili di tipo B737-800 con una capienza di 190 passeggeri, per un totale di 140 movimenti al giorno e un turn around a terra di 25 minuti (attualmente Easyjet ha un turnaround di 30 minuti per aeromobili con una capacità sotto i 150 passeggeri).
WizzAir (W6) avrà 8 aeromobili con un turn around di 30 minuti.
Per la cargo UPS avrà 8 movimenti giornalieri mentre DHL, oltre al volo per Hong Kong, avrà 6 movimenti al giorno con aeromobili B757F
Per i voli cargo, i servizi di rampa saranno forniti da SEA Handling interamente.
UPS opererà da Cargocity e sarà servita da MLE; DHL opererà da Cargocity assistita da ALHA per i voli con B777 mentre tutto il resto verrà effettuato in autoproduzione da DHL stessa che si sistemerà nel magazzino cargo del terminal 2 dove la stessa società installerà un macchinario del valore di 800.000 euro per lo smistamento di merce e posta.
A SEA toccherà il rifacimento del tetto e gli adeguamenti dell’impianto elettrico e dell’antincendio.
Le operazioni d’import si svolgeranno sempre a Bergamo da dove le merci già sdoganate partiranno a bordo di camion durante la notte; invece l’export verrà fatto direttamente a Malpensa.
I servizi per i voli cargo portano alla necessità di incrementare alcune attrezzature per l’handling; ad esempio si aggiungeranno 2 loader da 20 tonnellate oltre agli 11 nastri corti.
Per i voli Ryanair 12 aeromobili saranno dedicati al traffico Schengen e 3 al traffico extra Schengen.
Il checkin sarà sistemato nell’intera area 7 e i filtri sicurezza passeranno dagli attuali 14 varchi a 19 (5 nuove macchine xray in noleggio); i varchi andranno ad occupare l’attuale serbatoio sotto l’area ckin 7 e, di conseguenza,  l’area di raccolta dei passeggeri in coda sarà spostata in prossimità del vano scale. Con la riapertura di Orio al Serio l’area di sicurezza tornerà come allo stato attuale in attesa della conclusione della ristrutturazione completa prevista per la primavera del 2015.

Per rispettare il turnaround di 25 minuti, almeno 4 voli della first wave del mattino e altri quando possibile, verranno caricati di passeggeri con la procedura dell’imbarco a piedi.
Dopo il locale di pegaso, la strada per i gate remoti del satellite A verrà chiusa al traffico veicolare per creare aree sterili per far camminare i passeggeri verso le scale del loro aeromobile all’interno di percorsi obbligati delimitati da transenne.
Per le 500 unità di equipaggio che opereranno su Malpensa, Ryanair ha richiesto anche un Crew Briefing Center che troverà collocazione nella ex lounge di Air France-KLM; inoltre i pezzi di ricambi verranno sistemati nel capannone degli ex bagagli in transito.
Per quanto riguarda i numeri in termini di risorse umane, al momento non ci sono cifre precise perchè mancano dati precisi sugli orari dei voli e alcuni dettagli che verranno forniti entro le prossime 2 settimane.
Al momento Sea pensa a un fabbisogno di 140/150 unità circa con contratti di somministrazione al netto di ferie e cassa integrazione; di conseguenza le richieste ferie sono bloccate.
SEA sta anche valutando l’eventuale necessità di trasferire personale qualificato (rampe e team leader) da Linate a Malpensa scegliendo tra quelle unità di Malpensa che risultano temporaneamente trasferite a Linate; per questo motivo anche sullo scalo di Linate le richieste di ferie sono bloccate per il periodo di chiusura di Orio al Serio.
Nel reparto sicurezza i trasferimenti trimestrali su linate saranno bloccati e, nell’eventualità ci fosse bisogno di integrare, verrà richiesto supporto a ICTS in virtù di un accordo di partenariato.
Invece per gli autisti i trasferimenti trimestrali su Linate andranno avanti perchè le 11 unità in più verranno prese insieme ai bus che verranno noleggiati dall’esterno; per motivi assicurativi, le aziende esterne che gestiranno il servizio vogliono autisti propri che faranno opportuni corsi di familiarizzazione.

Tra due settimane il tavolo sarà riconvocato per dare numeri più certi.

 

Malpensa si rifà il look per l'Expo 2015

Sea investe 28 milioni per rinnovare profondamente l'aeroporto di Malpensa in vista dell'Expo e chiede alla presidenza del Consiglio di favorire Milano e il suo scalo internazionale per l'intero periodo dell'esposizione universale (1° maggio-31 ottobre 2015) con un accordo di open sky, in pratica con una deregulation che autorizzi i voli di tutte le compagnie aeree sul modello di quanto accadrà la prossima estate in Brasile durante i mondiali di calcio.

Leggi tutto...

 

MALPENSA: IL TRAFFICO PASSEGGERI TORNA A CRESCERE
Nel mese di ottobre Milano Malpensa segna +1% per il traffico passeggeri


Leggi tutto...

 
Altri articoli...