CABINA DI REGIA MALPENSA

Aeroporti e poteri forti, Passera confeziona il piano che favorisce i grandi gruppi!

A tre settimane dalle elezioni, il ministro delle Infrastrutture riesce a chiudere sul piano di riassetto del sistema che prevede la chiusura degli scali minori e il rafforzamento di 31 strutture di interesse nazionale. A partire da Fiumicino (Benetton e Mediobanca) e Malpensa (Vito Gamberale)

Leggi tutto...

 

Malpensa inaugura il terzo satellite

Manca poco all'inaugurazione del terzo satellite al Terminal 1 di Malpensa, nuova struttura che consentirà di accogliere l'aereo più grande del mondo, l'Airbus A380. Per l'occasione Sea ha organizzato, per il prossimo 13 gennaio, una giornata speciale aperta al pubblico dalle 10 alle 18.30 presso il Terminal 1.

Ingresso libero e parcheggi P3 e P4 gratuiti per tutti i visitatori. In aeroporto saranno presenti quattro aree espositive dedicate ai Paesi del mondo raggiungibili da Malpensa. Si esibiranno Loredana Errore, la cantante finalista di Amici, Alessandro Casillo, vincitore della sezione giovani di Sanremo 2012, Maurizio Lastrico, il comico di Zelig, il coro nazionale della musica gospel (Italian Gospel Choir), la Teresa e il Giovanni della compagnia teatrale i Legnanesi.

 

 

Aerei, l’Italia in mano ai low cost ?

Dal 2003 al 2011, se si considera il complesso delle compagnie aree, la quota di passeggeri su voli economici è raddoppiata, passando al 46%. 
Se si guarda all’incidenza del traffico low cost effettuato esclusivamente attraverso aerei nazionali, allora la quota scende al 28%, in calo rispetto al 2010. Insomma chi ha deciso di volare “italiano” ha di gran lunga preferito i vettori tradizionali, a differenza del contesto generale, dove oggi c’è quasi un equilibrio tra voli economici e classici. Il 2011 comunque è stato un anno positivo: dopo il balzo del 2010 il traffico aereo sui cieli italiani ha fatto un altro piccolo passo in avanti, crescendo dello 0,2%. In ripresa anche il trasporto di merci e posta, che è aumentato dell’1,2%. Ma i livelli raggiunti prima della crisi restano ancora lontani. L’Istituto di statistica sottolinea come rimanga da recuperare ancora il 6% per tornare ai risultati del 2007.
Guardando ai passeggeri, il 2011 ha tenuto il ritmo del 2010, con un rialzo del 6,4%, dovuto alla crescita nei voli di linea, mentre i charter hanno subito un significativo ribasso. Tuttavia, nel Vecchio continente l’Italia si è piazzata solo al quinto posto per numero di passeggeri: con una quota del trasporto aereo europeo pari al 9,6% è stata superata da Regno Unito, Germania, Spagna e Francia. Gli aeroporti italiani più trafficati sono risultati Roma Fiumicino (37,4 milioni di passeggeri transitati), Milano-Malpensa e Milano-Linate, ma nel 2011 l’aumento maggiore ha interessato Venezia (+25,3%), dove per quasi la metà dell’anno sono stati dirottati i voli diretti a Treviso. Quanto alle rotte nazionali, per il secondo anno consecutivo Roma Fumicino-Catania ha fatto meglio di Roma Fiumicino-Milano Linate. Il collegamento siciliano ha battuto quello lombardo per entrambe le direzioni, da e per la Capitale.

 

 

Il risiko degli aeroporti italiani


F2i ha presentato l'unica offerta per l'asta indetta dalla Provincia di Milano per il 14,5% della società di gestione degli aeroporti del capoluogo lombardo. Possedendo già il 29,75%, la sua quota di controllo sale al 44,25%, subito dopo il socio di maggioranza, il comune di Milano con il 54%.
F2i ha offerto 147 milioni di euro, a fronte di una base d'asta di 160.
Oltre all'offerta per rilevare il 14,5% della Sea (la società di gestione di Linate e Malpensa) alla Provincia di Milano, in queste ore sta finalizzando l'acquisizione della partecipazione dei Benetton nella Sagat (Torino), operazione che farà salire al 52% il suo peso nel capitale dell'aeroporto piemontese al 52%.
F2I controlla già Napoli Capodichino e attraverso Sagat allarga la sua sfera di influenza su Bologna e Firenze.
Con queste operazioni, il fondo F2i guidato da Vito Gamberale, sta dando vita a un polo per il controllo degli scali lungo tutta la penisola.

 

Aerei, Iata rivede a rialzo previsioni utili globali 2012 e 2013

Le compagnie aeree di tutto il mondo hanno rivisto al rialzo le previsioni degli utili per 2012 e 2013, sottolinenado però che il settore resta vulnerabile di fronte ad alcuni fattori di rischio come la crisi della zona euro e la minaccia del "fiscal cliff" americano.
L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata), che rappresenta 240 compagnie, ha detto che i vettori dovrebbero registrare utili complessivi per 6,7 miliardi di dollari nel 2012, in rialzo rispetto a una precedente previsione di 4,1 miliardi.

Per il 2013, le previsioni Iata parlano di utili per il settore per 8,4 miliardi di dollari, in rialzo rispetto la precedente stima di 7,5 miliardi.

 
Altri articoli...