AVIAPARTNER:

SEMPRE CONTRO I LAVORATORI!

Ieri, si è tenuto l’incontro con l'azienda, sia per la procedura da noi attivata ed anche per i fatti di questi giorni. Alla presenza della rsa, come Cub abbiamo chiesto:

L’immediata assunzione di nuovo personale, la trasformazione degli orari da part-time e full-time, il riconoscimento della professionalità degli OPR e l’istituzione del premio aziendale stabile e non condizionato alla presenza.

L'azienda, rappresentata dal dott. Gallinaro,  è rimane sulle sue posizioni, senza di fatto riconoscere alcuna delle nostre richieste.

Riguardo alla mancanza di personale, l’azienda ha dichiarato che da oggi sarebbe entrare nuova forza lavoro! Che riteniamo comunque irrisoria e tardiva.

Per la questione Opr, l’azienda non vuole riconoscere il 4' livello, ma dare solo un premio di presenza che si matura solo se si lavora il 90% delle ore in un mese!

Per il premio, al di la di vaghe affermazioni sulla disponibilità per il prossimo anno, l’azienda ha riconosciuto valido il premio di quest’anno nonostante la bocciatura al referendum.

Su questo argomento ricordiamo ai sindacati confederali che oggi fanno finta di contrastare la carenza di personale, che se si fanno accordi per incentivare la presenza degli attuali organici, nella sostanza si avvalla la cronica carenza di personale in atto da anni in Aviapartner. Non a caso dopo gli accordi da loro sottoscritti, in cui si da pochi soldi per chi non va in malattia, l’azienda non solo ha risparmiato sulla malattia ma di conseguenza ha assunto meno lavoratori.

Di fronte a queste risposte aziendali, come Cub attiveremo incontri in sede di Prefettura di Varese, e continueremo nelle nostre iniziative.

Pertanto invitiamo tutti i lavoratori a rispettare le procedure ed a informarci.

Sapendo del fastidio dato all’azienda dalle notizie giornalistiche, continueremo su questa strada, invitando tutti i lavoratori a segnalarci ogni anomalia sia lavorativa che inerente la carenza di attrezzature.

2018-08-04