Comunicato lavoratori Aviapartner Malpensa:

TRASFERIMENTO E CESSIONE DI ATTIVITA’

La direzione aziendale nella giornata di ieri 22 ottobre, ha convocato in modo separato tutte le organizzazioni sindacali. Dopo lo spostamento dei voli da Malpensa a Linate di Air Berlin-Fly Nike Aviapartner intende procedere:

  • alla cessione dell’attività di pulizia aerei a  altra società (nas) con trasferimento di 5/6 lavoratori;
  • al trasferimento di 17 lavoratori a tempo indeterminato da Malpensa a Linate. (due rampe, 10 operai e 5 ck-in);
  • Aviapartner chiede alla cub trasporti ed alle altre ooss, di sottoscrivere con accordi queste decisioni aziendali.

I SOLITI METODI AZIENDALI!

Da mesi Aviapartner procede in modo unilaterale senza mai discutere.

Solo qualche settimana fa ha spostato lavoratori da Linate a Malpensa senza nessuna informazione alle ooss, trattando l’argomento come una questione individuale tra azienda e lavoratore singolo. Non ha mai discusso e concordato con i sindacati gli spostamenti da Malpensa a Linate o viceversa, ed ora chiede un accordo per obbligare i lavoratori.

La stessa cosa è avvenuta per le pulizie degli uffici e degli aeromobili. Si è trasferito personale collocandolo su queste attività, ed ora si espelle dall’azienda.

SINDACATI COME RUOTA DI SCORTA DELL’AZIENDA!

Da mesi, Aviapartner procede in modo unilaterale senza l’accordo con i sindacati, ora che deve trasferire lavoratori in altra società o a Linate, sapendo che i lavoratori non condividono queste decisioni, chiama i sindacati. Con Milanini, non è possibile discutere neppure dell’anticipo del tfr, perché vuole decidere sempre ciò che vuole e ricattare anche su quello i lavoratori, ed ora si chiama i sindacati per farli partecipi di scelte aziendali impopolari.

NESSUN RICATTO SARA’ ACCETTATO!

Da alcuni giorni, circolano ipotesi di trasferimenti o licenziamenti con mobilità, se tutto quello proposto dall’azienda non sarà accettato.

Precisiamo che la mobilità attualmente concordata e prevista ancora per più di un anno, è di carattere volontario, non è quindi possibile per Aviapartner trasformarla in mobilità su chi non accetta il trasferimento. Di conseguenza ogni atto intimidatorio sui lavoratori ed in particolare sui nostri iscritti, sarà da noi denunciato.

SI DISCUTA ANCHE DEI PROBLEMI DEI LAVORATORI!

Passaggi ad orario pieno in modo discriminatorio, orari a full-time illegittimi e senza l’accordo con le ooss, lavoratori costretti da mesi a orari ridotti solo per motivi discriminatori, livelli retributivi non riconosciuti, clima ricattatorio tra colleghi creato ad arte da personaggi aziendali.

Se Aviapartner vuole discutere con la nostra organizzazione sindacale, del trasferimento a Linate, deve anche impegnarsi su questi argomenti.

23/10/2014 CUB TRASPORTI