MALPENSA:

NESSUNO DI AGS E DI COOP ALPINA DEVE PERDERE IL POSTO DI LAVORO!

Oltre a Ryanair già annunciata nelle scorse settimane, anche Ernest e Albastar, cambieranno handling, passando da Ags a Airport h..

Ne consegue che praticamente tutta l’operatività di Ags e di conseguenza della coop Alpina, cesserà.

Attualmente operano per Ags/Alpina:

•        lavoratori assunti da Ags a tempo indeterminato,

•        lavoratori dell’agenzia interinale Etjca che lavorano per Ags,

•        lavoratori di coop Alpina assunti come soci a tempo indeterminato,

•        lavoratori dell’agenzia interinale Etjca che lavorano per coop Alpina.

Ci sono inoltre lavoratori già in causa contro Ags sia per le irregolarità sul contratto di assunzione che per le differenze retributive delle paghe sia di Ags che di Alpina.

A fronte dell’imminente cambio di gestione, che dovrebbe avvenire per tutte e tre i vettori il 20 marzo prossimo, si stanno susseguendo gli incontri tra le aziende ed anche con le ooss.

La Cub trasporti ritiene indispensabile, a fronte delle numerose irregolarità commesse da Ags, che ha appaltato alla coop Alpina le attività operaie, da prima contro l’accordo sottoscritto da tutte le ooss e poi successivamente contro le stesse circolari Enac che lo vietavano, che si arrivi a garantire la continuità lavorativa a tutti i lavoratori, anche a fronte della già carente situazione di organici di Airport.

Se questo non sarà possibile, come già successo per alcuni lavoratori, come organizzazione sindacale, metteremo a disposizione di ogni lavoratore la nostra struttura legale. È impensabile infatti che alla fine siano i lavoratori, solo perché assunti come soci di cooperative o interinali, a dover perdere il posto di lavoro.

DIFFERENZE RETRIBUTIVE.

Da una nostra verifica, Ags/coopAlpina hanno operato anche numerose irregolarità sulle buste paga. Non solo in materia di percentuale dei part-time ma anche come inquadramento professionale e sugli istituti contrattuali.

Ricordiamo a tutti i lavoratori Ags/coopAlpina, che per eventuali “errori” in materia retributiva, i lavoratori possono richiederne il giusto pagamento entro 5 anni. Invitiamo pertanto i lavoratori interessati all’atto del passaggio in Airport, a non sottoscrivere nessuna liberatoria nei confronti di Ags/coopAlpina.

2018/03/02